CASATERRA ELENA RUZZA TERRA TERRA PRECARYART LIBERI DI LIBERI DA
CASATERRA
ELENA RUZZA
TERRA TERRA
PRECARYART
LIBERI DI LIBERI DA
ITALIA DONATI
FACEBOOK
YOUTUBE
SPETTACOLI
FORMAZIONE TEATRALE
   


 IL TEATRO E’ PER TUTTI!

a cura di Elena Ruzza

FORMAZIONE TEATRALE PER BAMBINI , RAGAZZI, ADULTI E DOCENTI

PRESSO TEATRO CIVICO GARYBALDI/

 LA SUONERIA – La Casa della Musica 

Via dei Partigiani 4 - Settimo Torinese


OTTOBRE 2015 - GIUGNO 2016


 

Corsi per i bambini e adolescenti 

dal lunedi al giovedi dalle 17.30 alle 19.00

Corsi per gli adulti i lunedi dalle 20 alle 23

 

Per informazioni e iscrizioni 

011-8028541 :: 347 68 31 649

info@associazioneterraterra.org

teatro@suoneriasettimo.it

 

APPROFONDIMENTI PERCHE’ IL TEATRO E’ PER TUTTI?

 

Laboratori  teatrali per bambini in suoneria : forse non ci hai mai pensato o semplicemente non ci hai mai fatto troppo caso. Forse è quello che capita a molti di coloro che non hanno figli o nipoti e che mai si sognerebbero di andare a vedere le avventure di Pippi calzelunghe o Cappuccetto rosso. Poi però succede che quando un bambino ce l’hai e inizia ad avere un’età in cui ci si preoccupa di fargli fare cose, improvvisamente ti si spalanca un mondo. Accade che  In teatro si  possa recuperare la dimensione originaria del teatro come gioco, per cui la recitazione non è altro che una ripetizione dei travestimenti e delle finzioni infantili (e non è un caso se sia in inglese che in francese le due attività siano indicate dallo stesso verbo: to play e jouer). Un gioco che nasce dalla totale identificazione 

L’esperienza teatral-pedagogica condotta con i bambini   non ha nulla a che fare con le ortodossie accademiche e non è affare teorizzabile senza afflato poetico. Cit. Martinelli

In quel piacere ci sono una purezza e un sentimento del mondo che nessun campionato miliardario può dare. La felicità del corpo vivo, la corsa, le cadute, la terra sotto i piedi, il sole, i corpi accaldati dei compagni, l’essere insieme, orda, squadra, coro, comunità, la sfera-mondo che volteggia, le favole e i piccoli grandi sogni che avvicinano i grandi ai bambini.

 Laboratorio teatrale per adolescenti in suoneria:Oggi forse più che nel passato, gli adolescenti si affacciano in un mondo nel quale i valori e i modelli variano con la velocità della luce.

I ragazzi devono crescere in fretta, non c’è tempo, tutto scorre veloce, devono essere pronti repentinamente a compiere scelte in condizioni di maggiore autonomia, quando ancora forse non hanno i mezzi sufficienti per farlo.

Si tratta di una transizione, di una trasformazione (fisica e psicologica) che reclama più opportunità di partecipazione, d’iniziativa, di protagonismo, ma anche di bisogno di supporto in quel momento di crisi che deve essere interpretata come un’occasione di riorganizzazione e svolta positiva.

Il teatro può rappresentare un’occasione  di sviluppo dell’identità e della partecipazione sociale in questa crescita tumultuosa, in questo periodo intermittente, dove ci si sente a volte grandi e capaci di ribaltare il mondo, a volte completamente persi, alla ricerca di punti di riferimento.

 Laboratorio teatrale adulti

Le tappe di lavoro più significative sono:

• lavoro sullo spazio;• lavoro sul peso e sul ritmo• lo sviluppo della percezione

• il rapporto con il partner; la COSTRUZIONE DEL PERSONAGGIO, dal cerchio neutro alle figure come cambia lo strumento di lavoro in relazione al materiale drammaturgico.

Diventa necessario imparare a “leggere” un testo, ricavare dalla sua struttura le linee di lavoro, un percorso quasi oggettivo – anche se sempre si trova quello che si sta cercando – che precede la libera interpretazione , l’assunzione di un punto di vista diverso per ogni artista.

 il laboratorio si pone come obbiettivo favorire le domande che determinano il percorso di costruzione delle figure e l’individuazione degli strumenti migliori da usare.

L’analisi drammaturgica di diversi materiali ( il cui elenco verrà fornito ai partecipanti prima dell’inizio del lavoro) , condizione indispensabile per individuare la diversa metodologia di lavoro, sarà in ogni momento e senza separare i due momenti, messa a confronto con la pratica della scena.

Che cosa devo cercare nel testo per costruire un personaggio? Come imparo a vedere e non solo a riconoscere? Dove trovo nel testo ciò che cerco?

Di questo personaggio cosa devo conoscere per poterlo interpretare? (la sua storia?, la sua fisicità?, le sue relazioni?, i suoi archetipi?, la sua necessità?, la sua funzione?)

Quali strumenti di lavoro posso usare? ( il neutro, le domande al neutro e al personaggio, la costruzione della figura, il lavoro sullo spazio, le relazioni, la ricerca di una qualità .


 


Site Map