CASATERRA ELENA RUZZA TERRA TERRA PRECARYART LIBERI DI LIBERI DA
CASATERRA
ELENA RUZZA
TERRA TERRA
PRECARYART
LIBERI DI LIBERI DA
ITALIA DONATI
FACEBOOK
YOUTUBE
SPETTACOLI
FORMAZIONE TEATRALE
 
 

Precary Art  - L’arte di vivere con Dignità


Di e con Elena Ruzza
Collaborazione alla drammaturgia Gabriella Bordin
Contributi di Mariella Fabbris e Gianluca Gobbi
Sound Designer Matteo Cantamessa
Luci Davide Rigodanza

Sabato 12 e domenica 13 gennaio alle ore 21, per la Stagione Santibriganti al Teatro Civico Garybaldi di Via dei Partigiani 4 a Settimo Torinese, va in scena il debutto nazionale di Precary Art. L’arte di vivere con Dignità di e con Elena Ruzza.
La precarietà è uno dei temi che ha preceduto e, oggi, accompagna gli anni della grande crisi economica, è diventato un modo di lavorare e uno stile di vita. La totale privazione di certezze travolge le generazioni, sospende i diritti e getta nello sconforto.
Lo spettacolo teatrale Precary Art racconta il cambiamento di significato della parola lavoro, ma osservandolo da una nuova prospettiva, quella dell’arte di vivere con Dignità, cercando il proprio talento e re-inventandosi.

Sole, interpretata da Elena Ruzza, racconta la sua ricerca per trovare un posto di lavoro, ma oggi, che il lavoro non c’è, i colloqui si trasformano in recite a soggetto e i periodi di prova in incontri preziosi con vite e storie di Dignità inestimabile. La vita di ogni “precario” conosce il tempo che passa, fa battere il cuore, fa cadere e rialzare … per ricominciare a respirare più consapevoli verso la ricerca di un proprio posto nel mondo.

Precary Art. L’arte di vivere con Dignità è stato realizzato con il sostegno di Fondazione CRT, CGIL, CISL, UIL, SOMS, Biblioteca Archimede, Fondazione ECM.
Alla realizzazione del progetto hanno collaborato Roberto Ruzza, Elena di Bella, Elena Piastra, Giulia Piccione, Franzo Grande Stevens, Davide Turchetto, Silvia Berti. Teatro Villaggio Indipendente per lo spazio prove e tutte le persone che, con le loro voci e interviste, hanno contribuito consapevolmente e inconsapevolmente alla costruzione dello spettacolo.





Site Map